Le 4 migliori applicazioni Android per condividere file tra telefoni, tablet e PC

Ripensa all’ultima volta in cui volevi trasferire musica o video sullo smartphone del tuo amico e quanto fosse difficile e lento. Per quanto potenti siano i nostri telefoni, le opzioni di condivisione dei file predefinite sono limitate. Ci sono, fortunatamente, alcune opzioni migliori che rendono i file in movimento facili, sicuri e indolori.

Con queste app, lo spostamento di file tra dispositivi mobili non è mai stato così semplice. E poiché nessuna delle app della nostra lista dipende da una tecnologia di trasmissione più lenta come il Bluetooth, il trasferimento dei file è veloce e allo stesso tempo facile e sicuro. Queste app forniscono anche un’opzione per trasferire file sul desktop, eliminando la necessità di collegarlo temporaneamente al computer con il cavo USB.

Mentre ci sono molte opzioni sul Play Store che possono realizzare la funzione, queste sono le migliori opzioni che abbiamo trovato nei nostri test.

Sommario

  • Grafico comparativo
  • Punti chiave di confronto
  • Metodologia
  • App 1: Send Anywhere
  • App 2: AirDroid
  • App 3: WeTransfer
  • App 4: pushbullet
  • Conclusione

Grafico comparativo

Punti chiave di confronto

  • Prezzo più basso per il Premium: il prezzo più basso per la versione premium dell’app. La maggior parte delle app per il trasferimento di file include una versione premium che fornisce l’accesso a funzionalità aggiuntive, tra cui il trasferimento di file più grandi.
  • Dimensione massima dei file: la dimensione maggiore di un singolo file può essere trasferita su un altro dispositivo al di fuori della rete locale.
  • Trasferisci file in remoto: mentre tutte le app del nostro elenco possono trasferire file ai dispositivi all’interno della rete, alcuni hanno la funzione aggiuntiva di consentire lo spostamento di file su dispositivi esterni alla rete. Con questa funzione, puoi prendere i file dai tuoi dispositivi a casa, anche se sei fuori al lavoro.
  • Spazio di archiviazione: in genere, quando le app consentono di trasferire i dispositivi fuori dalla rete, i file devono essere caricati prima sui server del servizio, il che significa che esistono limiti di archiviazione.
  • Trasferisci cartelle: la possibilità di trasferire un’intera cartella tramite l’app.
  • Trasferimento mobile: la possibilità di trasferire file tra dispositivi che eseguono sistemi operativi mobili. Sono elencati i sistemi operativi mobili supportati.
  • Trasferimento desktop: la possibilità di trasferire file da dispositivo mobile a desktop e desktop a desktop. Sono elencati i sistemi operativi che hanno app ufficiali.
  • Browser supportati: i browser con estensioni ufficiali che supportano il servizio.
  • Sito Web: se la condivisione di file può essere condotta con l’app utilizzando un sito Web. Questo metodo è utile per coloro che utilizzano un browser non supportato o non hanno accesso alle app mobili.
  • Codici QR: l’app supporta l’uso dei codici QR per verificare i dispositivi coinvolti nel trasferimento dei file. I codici QR sono sicuri poiché richiedono interazioni personali e rapide poiché la scansione richiede solo pochi secondi per essere completata. Inoltre, sono più facili dei codici numerici, che sono altrimenti necessari per il trasferimento sicuro al destinatario.
  • NFC: l’app supporta NFC per il trasferimento dei file. Sebbene NFC sia limitato in termini di distanza, è uno dei modi più veloci per trasferire i file. Per coloro che trasferiscono file con qualcuno nelle vicinanze, la limitazione di NFC è irrilevante ed è molto più veloce da configurare quindi un trasferimento wireless.
  • Wi-Fi Direct: il modo ideale per trasferire file localmente. Con Wi-Fi Direct, l’app utilizza l’adattatore wireless sui dispositivi per collegarli direttamente e trasferire file. È solo con questa tecnologia che le applicazioni di trasferimento file possono raggiungere velocità di trasferimento straordinariamente elevate 200 volte superiori alla velocità del Bluetooth.
  • Hotspot: l’app supporta il trasferimento di file online utilizzando la funzione di hotspot del telefono. Collegando il dispositivo ricevente all’hotspot del mittente, i dispositivi si trovano sulla stessa rete e possono trasferire file utilizzando il web.
  • Crittografato per impostazione predefinita: mentre tutte le app del nostro elenco offrono l’opzione di crittografia, non tutte implementano la funzionalità per impostazione predefinita. Alcune app del nostro elenco richiedono innanzitutto l’impostazione di una password per avviare il processo di crittografia per il trasferimento via web. Pur avendo l’opzione è grande, rimuovendo il passaggio aggiuntivo di doverlo abilitare, si impedisce agli utenti di utilizzare il servizio di trasferimento di file non protetto.
  • Trasferimento su più dispositivi: la possibilità di trasferire file su più dispositivi contemporaneamente. Per la maggior parte delle app sul nostro elenco, possono trasferire file a diversi utenti allo stesso tempo.

Metodologia

A causa del volume di app di trasferimento file, abbiamo dovuto implementare diversi criteri per limitare il nostro elenco e concentrarci sulle migliori offerte. Grazie a questi requisiti, riteniamo di aver trovato le migliori offerte disponibili sul Play Store.

Uno dei nostri primi requisiti era un’app ufficiale su iOS. Poiché una parte significativa della popolazione utilizza gli iPhone, limitare il trasferimento di file solo agli utenti Android potrebbe ostacolare l’esperienza. E poiché il trasferimento dei file non è così ovvio tra i dispositivi mobili, ci aspettiamo che la maggior parte dei lettori che troveranno questo articolo cercherà di inviare file ad altri smartphone, indipendentemente dal sistema operativo.

Il nostro prossimo requisito era la possibilità di trasferire su desktop. Mentre il cavo USB è disponibile per la condivisione di file, non è così conveniente come la condivisione wireless. Limita inoltre l’utilizzo del telefono durante il trasferimento, poiché si blocca collegato al computer. Con ognuna di queste app, puoi continuare a utilizzare il telefono come al solito durante il trasferimento di documenti, video e altro sul tuo computer. Poiché la condivisione dei file sul desktop è secondaria, non abbiamo bisogno del supporto per tutti i sistemi operativi desktop, consentendo app che supportano solo un sistema operativo sul nostro elenco.

Poiché i file trasferiti in modalità wireless possono essere intercettati, volevamo assicurarci che la condivisione dei file fosse protetta. Pertanto, ogni app sul nostro elenco è automaticamente crittografata o ha l’opzione per la crittografia. Con la crittografia, anche se i tuoi dati sono stati intercettati, il contenuto sarebbe illeggibile.

Inoltre, ci siamo assicurati che ogni app non presentasse problemi di sicurezza evidenti, incluse vulnerabilità e spyware non indirizzati. Questo requisito, purtroppo, ha eliminato un’opzione popolare, ShareIT, dal momento che il governo indiano l’ha denominata, insieme ad altre 41 app, come spyware cinese.

Leggi anche:  Come aggiungere amici in Fortnite | Nintendo Switch | 2021

App 1: Send Anywhere

A differenza di alcune delle altre opzioni del nostro elenco, Send Anywhere è strettamente un’app di condivisione file. Non esiste il controllo remoto di altri dispositivi, notifiche condivise o altre funzionalità aggiuntive. Tuttavia, con questa specializzazione si ottengono prestazioni migliori, tra cui un sacco di modi per condurre la condivisione di file, indipendentemente dalla situazione.

  • Installa Send Anywhere gratuitamente dal Google Play Store

Invia Anywhere invia file utilizzando uno dei cinque modi. Il metodo principale consiste nell’utilizzare un codice generato a caso a sei cifre che viene visualizzato sullo schermo dopo l’invio. Hai dieci minuti per condividere questo codice con il destinatario prima che scada. Una volta condiviso, il ricevitore inserisce il codice per ricevere i file. C’è anche un codice QR che viene generato allo stesso tempo, che può essere scansionato anche se la persona si trova nelle vicinanze.

Il secondo metodo utilizza un segnale acustico non udibile. Send Anywhere genera un’onda sonora a una frequenza univoca che, una volta ricevuta dal telefono dell’altra parte, avvierà la procedura di trasferimento. Come il tasto a sei cifre, il suono scade dopo 10 minuti. Tuttavia, a differenza della chiave, questo metodo richiede che i dispositivi si trovino nelle vicinanze, a non più di 13 metri di distanza. Questo metodo è disponibile solo nella versione beta e solo su Android al momento.

Il terzo metodo è Share Link, che carica temporaneamente il file sui server di Send Anywhere. Una volta caricato, il file può essere scaricato utilizzando il collegamento univoco. Questo metodo è anche l’unico modo per inviarlo a più persone, in quanto chiunque con la chiave può scaricare i file nel link. Con la versione gratuita, il collegamento dura per un massimo di 48 ore (2 giorni). Tuttavia, con il premio, è possibile regolare la lunghezza a molto più a lungo, inclusa la data di scadenza.

Questo terzo metodo ha limitazioni. Innanzitutto, la dimensione del file è limitata a 10 GB nella versione gratuita e 50 GB al premium. In secondo luogo, è possibile avere solo collegamenti con una capacità totale di 10 GB sulla versione gratuita. Tuttavia, se si esegue l’aggiornamento al livello premium, la capacità del collegamento migliora fino a 1 TB.

Il quarto metodo è inviarlo direttamente a un dispositivo. I dispositivi includono quelli in precedenza condivisi e i dispositivi nelle vicinanze. Una volta selezionato, il dispositivo ricevente riceverà una notifica e inizierà a ricevere i file senza dover fare nulla. Come misura di sicurezza, disattivare l’opzione per rendere il dispositivo rilevabile per evitare file casuali da sconosciuti.

Il metodo finale è particolarmente utile per coloro che non dispongono di una forte connessione Internet o di alcuna connessione Internet. Utilizzando Wi-Fi Direct, gli adattatori wireless per mittente e ricevitore si collegano direttamente tra loro. Una volta connessi, i file possono essere inviati direttamente senza la necessità di Internet. Poiché utilizza l’adattatore wireless, questo metodo è molto più veloce del Bluetooth, raggiungendo velocità circa 200 volte più veloci. Tuttavia, questa funzione è disponibile solo per i dispositivi Android e richiede che i dispositivi siano vicini l’uno all’altro.

Per quanto riguarda la sua versatilità, Send Anywhere è disponibile su una serie di piattaforme. Supporta Windows (Windows 7 e versioni successive), macOS (macOS 10.9 e versioni successive) e Linux (Debian e Ubuntu). Il nostro file manager preferito, MiXplorer, ha anche il supporto integrato. C’è anche un’app per Amazon Kindle e un componente aggiuntivo per Outlook 2016 e Outlook 365. Puoi anche trasferire i file utilizzando il loro sito web o con un’estensione di Chrome.

Send Anywhere non sta cercando di essere qualcosa di più di una grande app per il trasferimento di file. Non ha i fronzoli di alcune delle altre app sulla nostra lista. Invece, è specializzato nel trasferimento di file e lo fa bene. Ha il maggior numero di metodi per trasferire file ed è supportato quasi ovunque. È veloce e sicuro e aiuterà a portare i tuoi file dove devono essere.

App 2: AirDroid

A differenza di Send Anywhere, AirDroid è molto più che un’app per il trasferimento di file. È un’app progettata per coloro il cui lavoro li fa rimbalzare avanti e indietro tra più dispositivi. Di conseguenza, è caricato con una serie di funzionalità, non solo trasferimenti di file. Sebbene sia limitato come app per il trasferimento di file, il suo supporto per Wi-Fi Direct ha aiutato a raggiungere il secondo posto nella nostra lista.

  • Installa AirDroid gratuitamente dal Google Play Store

Cominciamo dal cattivo. AirDroid è in grado di trasferire file solo fino a 1 GB in remoto, e questo è con la versione premium. Questa dimensione ridotta limita severamente il tipo di file che è possibile trasferire a meno che non si comprima prima il file. Senza aggiornare il servizio, sei limitato a 30 MB miserabili, sufficienti per inviare un documento o due. AirDroid supporta Wi-Fi Direct, tuttavia, che elimina il limite di 1 GB, ma è limitato ai soli dispositivi locali.

Tuttavia, per i nostri lettori che decidono di dare un’occhiata ad AirDroid, sarà più che probabile a causa di tutte le altre funzionalità di condivisione non di file che offre. AirDroid ti consente di rispecchiare le notifiche del tuo telefono sul desktop, inviare notifiche SMS e app dal tuo computer, controllare a distanza il tuo dispositivo Android, monitorare da remoto i dispositivi mobili circostanti accedendo alla sua videocamera e altro ancora. La cosa migliore è che la maggior parte di queste funzioni non richiede la versione premium.

AirDroid è limitato come app per la condivisione di file quando si tratta di trasferire al di fuori della rete. Tuttavia, la sua capacità di condividere file usando Wi-Fi Direct compensa la sua bassa dimensione del file per la condivisione di file da remoto. Se una qualsiasi delle altre funzioni ti alletta, ti consigliamo vivamente di provare AirDroid.

App 3: WeTransfer

WeTransfer è un’app per la condivisione di file senza fronzoli. Mira a fornire una condivisione di file rapida e sicura per chi ha bisogno di ottenere file di grandi dimensioni da un dispositivo all’altro. È anche un ottimo strumento per chi sposta file ad altri utenti grazie al suo metodo di consegna.

  • Installa WeTransfer gratuitamente dal Google Play Store
Leggi anche:  Come correggere l'errore di connessione di COD Warzone non riuscito | NUOVO 2021

Se si tenta di inviare un file tramite e-mail, la dimensione dell’allegato è limitata. Ad esempio, Gmail è limitato a 25 MB. Quello che WeTransfer tenta di fare è risolvere questo problema permettendo di inviare per posta elettronica file ancora più grandi usando i loro server.

La versione gratuita ti limita a 2 GB, che possono essere espansi a 20 GB. Questi file sono archiviati sui server di WeTransfer utilizzando la crittografia AES 256 e consegnati al destinatario tramite la crittografia TLS (la stessa crittografia utilizzata in HTTPS). Per impostazione predefinita, i file rimarranno accessibili solo per sette giorni. Tuttavia, gli utenti premium possono estenderlo.

Con la versione gratuita di WeTransfer, gli utenti non possono creare un account. È sufficiente aprire l’app (o il programma desktop, l’estensione o il sito Web) e iniziare a inviare. La persona che riceve il file non ha nemmeno bisogno di avere un account, una funzione condivisa solo da Send Anywhere.

Oltre alla crittografia durante l’archiviazione, puoi anche proteggere con password i file per impedire a chiunque di accedere ai tuoi dati. Questa funzione richiede la versione premium, che costa $ 12 al mese. Altrimenti, tecnicamente, se la persona che hai inviato al link condivide quel collegamento con qualcun altro, anche loro possono accedervi. E per peggiorare le cose, non puoi cancellare il file usando il servizio gratuito; solo WeTransfer può.

Probabilmente il più grande problema con WeTransfer è la mancanza di supporto Wi-Fi Direct. Senza di esso, o supporto per altri metodi di tecnologia offline, il trasferimento può essere effettuato solo mentre si è online. Mentre la creazione di un hotspot può essere una soluzione, questo non è sempre possibile per quelli con piani dati limitati o nessun segnale.

Inoltre, WeTransfer non ha supporti per Windows. Mentre è ancora possibile utilizzare l’estensione del browser o il loro sito Web per il trasferimento, non esiste alcuna app Windows nativa. Non c’è anche modo di spostare le cartelle. Devi prima comprimere la cartella in un file ZIP, quindi trasferirla in quel modo.

Per quelli di voi che cercano di trasferire file a chiunque, senza il requisito del destinatario che ha bisogno di un’app, WeTransfer è l’ideale. WeTransfer ti consente di inviare file di posta elettronica fino a 20 GB che possono anche essere protetti da password. Per coloro che preferiscono la comodità dell’emailing e sono sempre online, WeTransfer è un’opzione eccellente.

App 4: pushbullet

Pushbullet è simile a AirDroid in quanto è un’app per utenti a schermo multiplo che desiderano rimanere connessi e allertati indipendentemente dal dispositivo in uso. Di conseguenza, è necessaria la condivisione dei file, che Pushbullet fa bene. Tuttavia, proprio come WeTransfer, non esiste un metodo di condivisione offline e, di conseguenza, gli utenti con scarsa copertura o piani dati limitati dovrebbero guardare altrove.

  • Installa Pushbullet gratuitamente dal Google Play Store

Pushbullet è impostato in modo molto simile a un servizio di messaggistica. I dispositivi sono elencati in modo simile a come sono organizzati gli amici, che puoi selezionare e iniziare a condividere i messaggi con. Proprio come un messaggio di testo, alleghi file che possono essere condivisi tra dispositivi.

La condivisione di file è limitata in alcuni modi. Uno, non esiste una modalità offline. Devi essere online per inviare file che sono tutti inviati ai server di Pushbullet e quindi all’utente. I file sono limitati a 25 MB (o lo stesso di Gmail) con un limite di spazio di archiviazione di 2 GB. Tuttavia, se si esegue l’aggiornamento alla versione pro, è possibile aumentare la dimensione del file dei dati inviati a 1 GB e archiviare file di valore superiore a 100 GB sul proprio server.

La cosa brutta è che mentre i file possono essere crittografati, questa scelta è facoltativa. A differenza delle altre app del nostro elenco, devi attivare la crittografia abilitando il commutatore e creando una password che viene utilizzata per crittografare i tuoi dati. Senza saperlo, molti utenti invieranno dati non protetti.

Simile a AirDroid, Pushbullet ha molte caratteristiche che possono essere utili, a seconda della situazione. Ad esempio, la versione pro ha una modalità di copia e incolla universale per dispositivi Android che consente di copiare un dispositivo di collegamento un altro e incollarlo in un altro. Questa funzione funziona con tutte le app ad eccezione dei dispositivi iOS.

Mentre è possibile inviare file a più dispositivi, è possibile solo con dispositivi che utilizzano lo stesso account. A differenza di Send Anywhere e WeTransfer, non è possibile inviare lo stesso file a più persone in modo che possano essere scaricati.

Pushbullet ha la più grande collezione di browser supportati. Non solo è supportato Google Chrome, ma Firefox, Opera e Safari. E per coloro che capita di non usare quei browser, puoi anche inviare file usando il loro sito web. Puoi persino creare un account usando le tue credenziali di Google o Facebook per renderlo più facile.

Pushbullet è ottimo per chi ha necessità al di fuori della semplice condivisione di file. Se vuoi rispecchiare le tue notifiche o copiare e incollare facilmente le informazioni da un dispositivo a un altro, Pushbullet sarà la scelta migliore. Tuttavia, se vuoi solo condividere file, le app classificate più in alto sono opzioni migliori.

Conclusione

Ci sono alcune offerte solide quando si tratta di applicazioni per la condivisione di file per Android. A seconda delle tue esigenze, troverai l’offerta giusta per te. Sia che tu voglia un’app destinata esclusivamente alla condivisione di file o che desideri rimanere connessa su più dispositivi, c’è un’opzione per te.

Quando si tratta del miglior servizio, Send Anywhere è la nostra scelta. Offre il maggior numero di opzioni per condividere i file. C’è un’app per quasi tutte le piattaforme e il suo servizio premium è relativamente economico. La sua versione gratuita ti consente di inviare file fino a 10 GB (il più grande del nostro elenco), ma quando esegui l’upgrade a Premium ti viene dato un massimo di 50 GB.

Come sbloccare la dashboard di gioco di Android 12 per semplici registrazioni dello schermo, schermate e streaming live in qualsiasi gioco

Android 12 è dotato di nuove funzionalità e aggiornamenti che qualsiasi giocatore mobile può apprezzare, incluso Instant Play, che ti consente di giocare...

Come inviare comandi ADB al tuo telefono senza un computer o un root

Ci sono tre livelli per la personalizzazione di Android: cose che puoi fare per impostazione predefinita, cose che puoi fare con ADB e...

Spotify Premium mette in pausa la musica su Google Pixel 5

In questo video, ti mostreremo cosa fare se Spotify premium mette in pausa la musica su un Google Pixel 5. Sembra che Spotify abbia...