Come inviare comandi ADB al tuo telefono senza un computer o un root

Ci sono tre livelli per la personalizzazione di Android: cose che puoi fare per impostazione predefinita, cose che puoi fare con ADB e cose che puoi fare con root. Sebbene il root sia ancora piuttosto difficile da ottenere, le mod ADB sono diventate molto più semplici.

Tornando ad Android 9, Google ha aggiunto una funzione che ti permetteva di inviare comandi ADB in modalità wireless da un computer al telefono tramite una rete Wi-Fi. Non particolarmente innovativo, ma ha gettato le basilavoro.

Entra nello sviluppatore Tyler Nijmeh e nella sua nuova app, LADB. Crea un host locale interamente sul telefono, quindi si comporta come se fosse un computer sulla rete. Da lì, è solo questione di connettersi alla funzione ADB wireless del tuo telefono, il che significa che non hai più bisogno di un computer per utilizzare la funzione!

Cosa ti servirà:

  • telefono con Android 9 o versioni successive
  • $ 2,99 per acquistare l’app su Google Play (o il coraggio di creare un’app dalla fonte GitHub)

Confermato il lavoro su:

  • Telefoni Google Pixel (Android 9 o versioni successive)
  • Telefoni OnePlus (OxygenOS 9 o versioni successive)
  • Telefoni Samsung Galaxy (un’interfaccia utente 2.0, 2.1 e 3.0)

Passaggio 1: installa LADB

Attenzione, questa app costa tre dollari. Se non sei d’accordo, puoi andare alla pagina GitHub dell’app e compilare l’APK dal sorgente gratuitamente. Ecco un thread Stack Overflow che dovrebbe essere un buon punto di partenza se vuoi seguire quella strada.

Ma per tutti gli altri, cerca LADB nell’app Play Store per installarlo. In alternativa, tocca il collegamento in basso dal tuo telefono per passare direttamente alla pagina di installazione dell’app.

  • Link Play Store: LADB — Shell ADB locale ($ 2,99)

Passaggio 2: abilita le opzioni sviluppatore

Ora apri l’app Impostazioni e scorri verso il basso per selezionare “Informazioni sul telefono”. All’interno, tocca la voce “Numero build” sette volte in rapida successione, quindi inserisci il passcode della schermata di blocco quando richiesto. Questo sbloccherà il menu Opzioni sviluppatore nascosto, ma se desideri ulteriore aiuto, abbiamo una guida completa dedicata a questa parte:

Passaggio 3: abilitare il debug wireless

Ora dovrai abilitare la funzione Android sottostante che fa funzionare questa app. Vai alle tue Impostazioni, quindi scorri verso il basso e seleziona “Sistema”, quindi tocca “Avanzate” e scegli “Opzioni sviluppatore”. Su alcuni telefoni, invece, la voce Opzioni sviluppatore potrebbe essere elencata nella parte inferiore della schermata Impostazioni principale.

Leggi anche:  Come ripristinare le impostazioni su Samsung Galaxy A21s

Una volta dentro, scorri verso il basso fino alla sezione Debug. Qui, abilita l’interruttore accanto a “Debug wireless”, quindi premi “OK” sul prompt per confermare la tua scelta.

Sebbene lo abbiamo testato e abbiamo scoperto che funziona essenzialmente su tutti i moderni telefoni Android venduti negli Stati Uniti negli ultimi quattro anni, non è garantito che tutti i dispositivi dispongano della funzione di debug wireless. Fa parte di AOSP, la base di codice open source di Android, ma gli OEM a volte rimuovono funzionalità dalle loro versioni con skin di Android. Se il tuo telefono non ha questa opzione, purtroppo LADB non funzionerà per te.

Passaggio 4: stabilire la connessione

Successivamente, dovrai solo connettere l’host locale di LADB alla funzione ADB wireless del tuo telefono. Ma a seconda della versione di Android in esecuzione, può essere incredibilmente facile o un po’ goffo. Inizieremo con quello goffo (versioni Android più recenti), quindi se utilizzi Android 10 o versioni precedenti, fai clic qui per andare avanti.

Android 11 e versioni successive

A partire da Android 11, la nuova funzionalità di debug wireless è completa. Ciò significa che ha anche un adeguato sistema di sicurezza in cui è necessario inserire le credenziali per inviare comandi, il che complica le cose in questo caso.

Quindi, quando avvii LADB per la prima volta su Android 11, vedrai un popup che ti chiede di inserire il numero di porta e il codice di accoppiamento. Poiché il popup in Impostazioni che mostra il codice di accoppiamento doveva essere letto sul telefono mentre lo stai digitando su un computer, il sistema cambia automaticamente il codice di accoppiamento non appena si chiude.

Quindi dovrai aprire l’app Impostazioni in visualizzazione a schermo diviso per evitare che il popup si chiuda. Mentre LADB ti chiede i numeri, accedi alla visualizzazione multitasking e tocca l’icona dell’app nella parte superiore della sua scheda, quindi seleziona “Schermo diviso”. Quindi, seleziona la scheda Impostazioni dalla vista mini multitasking che appare per renderla la seconda schermata. Oppure, se sei su Samsung, seleziona “Impostazioni” dall’elenco.

Da lì, torna a Impostazioni –> Sistema –> Avanzato -> Opzioni sviluppatore o Impostazioni –> Opzioni sviluppatore, quindi tocca il testo “Debug wireless” (anziché l’interruttore) per aprire il sottomenu della funzione. Da lì, scorri verso il basso e tocca “Associa dispositivo con codice di accoppiamento”.

Leggi anche:  Come risolvere Pokemon Go Unable To Authenticate Error

Ora è solo questione di copiare i numeri. Sotto Indirizzo IP e porta nel popup Impostazioni, vedrai una serie di numeri, quindi i due punti, quindi un altro numero. Il numero dopo i due punti è quello che dovresti inserire nel campo Porta nel popup LADB. Quindi il codice di accoppiamento va nella casella Codice di accoppiamento e ora puoi toccare “Ok” in LADB.

Vedrai un messaggio nel terminale LADB che dice “In attesa che il dispositivo accetti la connessione”. L’operazione potrebbe richiedere fino a due minuti, quindi sii paziente. Quando la connessione è completa, dovresti ricevere una notifica dal sistema Android che ti dice “Debug wireless connesso”.

In futuro, non dovrai fare tutte queste cose. LADB e Android salvano entrambi le coppie ADB wireless, quindi la prossima volta che dovrai inviare un comando shell ADB, dovrai solo aprire l’app e digitarlo!

Android 9 e 10

Se utilizzi Android 9 o 10, questa parte è quindi molto più semplice. Basta aprire l’app, quindi selezionare la casella accanto a “Consenti sempre” e selezionare “Consenti” quando viene richiesto di “Consenti debug USB”. Ti verrà quindi mostrata la riga di comando, pronta ad accettare un comando!

Passaggio 5: inviare comandi ADB Shell al proprio telefono

Ora sei pronto per inviare comandi shell ADB al tuo telefono. Tieni presente che questa è una shell ADB, il che significa che non hai accesso a comandi come “adb reboot-bootloader”. Invece, puoi eseguire solo comandi che normalmente iniziano con “adb shell”.

Tuttavia, poiché stai inviando comandi direttamente alla shell ADB, non è necessario includere la parte “adb shell” dei comandi: basta eliminare quella parte e inviare il resto del comando da solo. Ad esempio, quando si concede l’autorizzazione WRITE SECURE SETTINGS richiesta dalle app di personalizzazione avanzate, invece di questa:

adb shell pm concedere com.appname.xyz android.permission_WRITE_SECURE_SETTINGS

… dovresti solo inviare questo:

pm grant com.appname.xyz android.permission_WRITE_SECURE_SETTINGS

Due fantastiche app con cui provare quel comando sono SystemUI Tuner e Tasker. Una volta che hanno ottenuto il permesso elevato di poter scrivere determinate impostazioni di sistema, diventano piuttosto potenti!

Quindi forse l’uso più pratico per questo è disinstallare app bloatware senza dover lottare con una connessione al PC o utilizzare l’accesso root. È un processo abbastanza semplice una volta che hai impostato LADB, quindi dai un’occhiata al link qui sotto.

Come sbloccare la dashboard di gioco di Android 12 per semplici registrazioni dello schermo, schermate e streaming live in qualsiasi gioco

Android 12 è dotato di nuove funzionalità e aggiornamenti che qualsiasi giocatore mobile può apprezzare, incluso Instant Play, che ti consente di giocare...

Come inviare comandi ADB al tuo telefono senza un computer o un root

Ci sono tre livelli per la personalizzazione di Android: cose che puoi fare per impostazione predefinita, cose che puoi fare con ADB e...

Spotify Premium mette in pausa la musica su Google Pixel 5

In questo video, ti mostreremo cosa fare se Spotify premium mette in pausa la musica su un Google Pixel 5. Sembra che Spotify abbia...