Home Come 19 Harry Potter Spells Il tuo telefono Android può lanciare utilizzando Google...

19 Harry Potter Spells Il tuo telefono Android può lanciare utilizzando Google Assistant

0
51

Siri di Apple è esperto negli incantesimi del mondo magico di Harry Potter, ma non è come se gli utenti Android siano Babbani. Google Assistant, il concierge virtuale di Android, può lanciare alcuni incantesimi fuori dalla scatola e può imparare gli incantesimi che non conosce più velocemente di un anno di studio a Hogwarts.

Se vuoi esercitare il tuo smartphone Android come una bacchetta magica usando Google Assistant, vedi cosa può fare di seguito e come puoi programmarlo per eseguire ancora più incantesimi. Se sai già come impostare e evocare Google Assistant sul tuo dispositivo Android, sentiti libero di saltare quelle sezioni.

Impostazione dell’assistente Google

Molti dispositivi Android hanno l’app Google preinstallata, che ospita Google Assistant. Tutti i modelli di Google Pixel lo fanno, così come la maggior parte dei nuovi telefoni Android. Se il tuo telefono soddisfa i requisiti elencati di seguito per Google Assistant, probabilmente ha già Google Assistant che ti aspetta.

  • Android 5.0+ con almeno 1 GB di memoria disponibile.
  • O Android 6.0+ con almeno 1,5 GB di memoria disponibile.
  • L’app Google, versione 6.13 o superiore.
  • Google Play Services.
  • 720p o una risoluzione dello schermo superiore.
  • La lingua del tuo dispositivo si è impostato su una lingua supportata: arabo, bengalese, cinese (semplificato), cinese (tradizionale), danese, olandese, inglese, francese, tedesco, gujarati, hindi, indonesiano, italiano, giapponese, kannada, coreano, malese, malathi, marathi , Norvegese, polacco, portoghese (Brasile), portoghese (Portogallo), russo, spagnolo, svedese, tamil, telugu, thai, turco, urdu e vietnamita.

La maggior parte dei modelli Samsung Galaxy ha già Google Assistant, così come molti di LG, Motorola, Nokia, OnePlus, Oppo, Tecno, Vivo e Xiaomi. I dispositivi Android (Go Edition) dovrebbero utilizzare Google Assistant Go. Se il tuo dispositivo non ha l’app Google installata ma soddisfa i requisiti sopra elencati per eseguire Google Assistant, puoi scaricare l’app Google da Google Play:

  • Installa link: l’app Google tramite Google Play (gratuito)

Sebbene non sia necessario, è anche possibile installare l’app Google Assistant o Google Assistant Go, che ti dà un accesso più rapido dalla schermata principale o dal cassetto delle app alle impostazioni di Google Assistant.

  • Installa link: l’app Google Assistant tramite Google Play (gratuito)
  • Installa link: l’app Google Assistant Go tramite Google Play (gratuito)

Evocazione di Google Assistant

Una volta che sai di avere Google Assistant sul tuo telefono, è relativamente semplice iniziare, ma il modo in cui lo fai varia a seconda delle impostazioni, del modello di dispositivo, della versione Android, ecc. Prova una o alcune delle possibilità di seguito, ma sai che non tutte Funzionerà per il tuo dispositivo specifico. Se l’assistente di Google è disattivato, potrebbe chiederti di accenderlo quando si utilizza alcune delle opzioni di seguito.

  • usa la tua voce: dì solo la frase di veglia, “hey google” o “ok google”, seguito dal tuo comando. Puoi persino usarlo dalla schermata di blocco se stai eseguendo Android 8.0 o superiore.
  • Spremi il pixel: sui modelli pixel da 2 a 4, spremi la metà inferiore del telefono, quindi parla il tuo comando. Altri dispositivi Android possono avere una funzione simile.
  • Colpisci lo schermo: scorre verso l’alto dalla parte in basso a sinistra o a destra dello schermo del telefono, quindi parla il comando. Sebbene sicuramente sui pixel, potresti essere in grado di usarlo su altri dispositivi Android.
  • Tocca nella barra di ricerca: Se vedi il widget della barra di ricerca sulla schermata principale, tocca il suo microfono o icona assistente, quindi parla il tuo comando.
  • Premi e tieni il tasto di potenza o laterale: su molti modelli di pixel, tieni premuto il pulsante di accensione, quindi parla il comando. Il gesto è già attivo su Pixel 6, Pixel 6 Pro e Pixel 6A, ma puoi anche abilitarlo tramite impostazioni -> Sistema -> Gesti su un pixel 3 o un nuovo Android 12,0 in esecuzione o superiore. Altri dispositivi Android possono avere una funzione simile. Alcuni, come i nuovi telefoni Samsung Galaxy, richiedono un’app di terze parti per rimodellare la chiave per aprire Google Assistant.
  • Premi e tieni il pulsante Home: su molti telefoni non pixel, premere e tenere premuto il pulsante Home, quindi parlare il comando. Potrebbe essere necessario scegliere Google come assistente nelle impostazioni del tuo dispositivo. Ad esempio, sui telefoni Samsung Galaxy, cerca e apri “app di assistenza dispositivo” o “app di assistenza telefonica”, quindi scegli “Google” come app per assistente digitale predefinito.
  • Premere e tenere premuto o premere il tasto Bixby: i vecchi telefoni Samsung Galaxy hanno un tasto dedicato per Bixby, l’assistente digitale di Samsung, e puoi premere e tenerlo a doppia pressione per far apparire Bixby. Tuttavia, nelle impostazioni Bixby, puoi toccare “Bixby Key” e farlo aprire Google Assistant con qualsiasi gesto che Bixby non sta usando.
  • Usa altri gesti: Potresti essere in grado di creare routine o azioni rapide che aprono Google Assistant sul tuo telefono Android ogni volta che esegui il trigger set.
Leggi anche:  Come clonare qualsiasi app Android sul tuo telefono Samsung Galaxy senza utilizzare strumenti di terze parti

Casting noto incantesimi con Google Assistant

I Wizards tra il team di sviluppo di Google Assistant hanno già insegnato al concierge virtuale diversi incantesimi.

1. Ok Google, Lumos

Lumos, il fascino della bacchetta, illumina la fine della bacchetta del mago. Come comando di Google Assistant, accende la funzione Flashlight, illuminando il flash della fotocamera posteriore del dispositivo. (Si noti che anche Samsung Bixby può effettivamente usare questo comando.)

  • incantesimo: ok google, lumos
  • pronuncia: /lOO · Mano/
  • Esempio: Harry che dice “Lumos” in “Harry Potter e The Half Blood Prince” (Film, 2009)

2. Ok Google, Nox

La controspina per Lumos, NOX, estingue la fine della bacchetta del mago. Allo stesso modo, questo comando per Google Assistant spegne la torcia. (Stranamente, Samsung Bixby non sembra supportarlo e lo confonde spesso con Samsung Knox.)

  • incantesimo: ok Google, Nox
  • pronuncia: /näks//nooks//naaks//knocks/
  • Esempio: Harry che dice “Nox” in “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban” (Film, 2004)

3. Ok Google, silenzio

Il fascino del silenziamento, Silencio, trasforma il volume dei media allo 0% evocando il cursore del volume per ulteriori regolazioni.

  • incantesimo: ok google, silencio
  • pronuncia: /si · len · cio//vedi · lehn · thyoh//si · len ·? jo/
  • Esempio: Hermione Granger che dice “Silencio” in “Harry Potter e l’Ordine della Phoenix” (romanzo, 2003)

Esponendo il pagliaccio di classe di Google Assistant

Diversi altri ciondoli, incantesimi e frasi suscitano una risposta sfacciata da Google Assistant. Ciò irriverebbe quasi certamente il professor Snape durante la lezione.

La maggior parte delle frasi ha più di una risposta, quindi continua a suonare per sentire ciò che l’assistente ha da dire. Dopo aver pronunciato uno di questi incantesimi, Google Assistant suggerirà altre frasi e potrai toccarle senza parlare. Comprende i seguenti riferimenti.

4. Ok Google, Avada Kedavra

5. Ok Google, Wingardium Leviosa

6. Ok Google, Crudio

7. Ok Google, Expelliarmus

8. Ok Google, Alohomora

9. Ok Google, giuro solennemente che non ho nulla di buono

10. Ok Google, gestito da Mischief

11. OK Google, limone di sherbet

Creazione di routine di incantesimi/fascino per Google Assistant

Per gli incantesimi che Google Assistant non lo sa, puoi insegnarli tramite il suo kit di programmazione “se questo, allora” chiamato routine. È molto simile all’insegnamento di Siri su iPhone per dire incantesimi di Harry Potter sconosciuti tramite scorciatoie.

Il modo più semplice per iniziare è dire “Ok Google, routine” e toccare il pulsante “Impostazioni delle routine”. Puoi anche arrivarci prevedendo a lungo l’icona dell’app Assistant, toccando “Impostazioni”, quindi “Routine”.

Leggi anche:  7 Fun Galaxy S20 Caratteristiche che tutti dovrebbero conoscere

Nella pagina Impostazioni delle routine, tocca il pulsante “+ nuovo”, quindi premi l’icona della matita sulla pagina nuova routine per rinominarlo; Il nome incantesimo/fascino sarà probabilmente il migliore qui.

Ogni routine ha bisogno di un grilletto di avviamento e di un’azione risultante. Tocca “Aggiungi avviatore” per specificare il trigger; In linea con il tema, tutte queste routine useranno i comandi vocali, quindi tocca la prima opzione per “quando dico ad Google Assistant”. Nella pagina successiva, digita l’incantesimo o il fascino. Puoi usare più di una frase di avviamento se lo desideri. Una volta terminato, tocca “Salva” per procedere.

Una volta impostato l’antipasto, identificherai un’azione. Esistono diverse categorie di azioni tra cui scegliere e ogni categoria ha varie stock options. Se ciò che stai cercando non è elencato tra queste categorie, puoi selezionare la categoria “Prova ad aggiungere la tua categoria”, che ti consente di digitare un comando. È possibile specificare più azioni per un antipasto. Una volta terminato, tocca “Salva” per commettere l’incantesimo in memoria.

Con le routine, sei limitato solo dalla tua immaginazione. Ecco alcune idee per iniziare (punta del cappello a Oprah ogni giorno, tra tutti i luoghi, per l’elenco degli incantesimi).

12. OK Google, Accio [Nome app]

Poiché Accio è il fascino di evocazione, possiamo usarlo per aprire praticamente qualsiasi app. Imposta lo starter su Accio più il nome dell’app o un nome in codice di tua scelta (ovvero Accio Pikachu per aprire Pokémon GO o Accio Hogwarts per aprire Harry Potter: Hogwarts Mystery). Quindi, imposta l’azione sull’opzione personalizzata con la frase “Apri” più il nome effettivo dell’app che si desidera aprire.

13. Ok Google, Avis

Avis evoca un piccolo gregge di uccelli. Forse possiamo usare questo per lanciare Angry Birds? Usa la stessa formula della routine Accio.

14. OK Google, APARECIO

L’incantesimo APARECIO rivela messaggi scritti segreti. Sembra molto simile ai messaggi di testo non letto, quindi usiamo l’incantesimo per giocare. Seleziona la categoria “Comunica e annuncia” per l’azione, quindi “Leggi testi non letto”. (vedi screenshot di seguito.)

15. Ok Google, Bombardo

Il tuo telefono Android non può attivare esplosioni, ma il tuo assistente di Google può giocare a “bombtrack” per rabbia contro la macchina o altre tracce incendiarie. Imposta Bombardo come grilletto di avviamento. Per l’azione, seleziona la categoria “Play and Control Media”, quindi “Musica”, quindi il nome e l’artista della tua pista. (vedi screenshot di seguito.)

16. Ok Google, muffliato

Il fascino del tppinging impedisce agli altri di ascoltare la tua conversazione. Lo useremo per mettere a tacere le notifiche. Selezionare “Regola le impostazioni del telefono” e “Accendi Non disturbare sui dispositivi Android.”

17. OK Google, Protego

Ecco un incantesimo di casa intelligente. Poiché Protego evoca uno scudo invisibile attorno all’utente, quelli con un sistema di sicurezza possono usare questo incantesimo per armarlo. Selezionare “Regola i dispositivi per la casa” e “Sistema di sicurezza ARM”. Puoi aggiungere l’azione “Lock Doors” dalla stessa categoria se hai blocchi intelligenti. (vedi screenshot di seguito.)

18. Ok Google, stupefy

Poiché l’incantesimo stupefuso rende l’incoscienza del bersaglio, possiamo aggiungerlo come antipasto alla routine della buonanotte esistente, che spegne le luci, suona suoni di sonno e trasforma il volume della suoneria a zero.

19. Altre possibili routine

Poiché le routine per Android sono molto simili a scorciatoie su iOS, molti degli stessi incantesimi di Harry Potter personalizzati per Siri possono essere convertiti in incantesimi di Harry Potter personalizzati per Google Assistant. Quindi assicurati di dare un’occhiata alla nostra guida completa sugli incantesimi di Harry Potter per iPhone per ottenere altre idee.